sabato 20 settembre 2008

Il concetto di strage

Se non mi sbaglio sei morti ammazzati nello stesso posto in Italia non c'erano stati dal 19 luglio 1992, il giorno in cui ci sembrò crollare tutto, il giorno di via D'Amelio. Quella di Castelvolturno dell'altro ieri è stata decisamente una strage, ma ha fatto molta fatica a trovare il suo posto nelle prime pagine dei giornali di ieri (e spesso non l'ha nemmeno trovato). Taglio basso o pagine interne per tutti. Chi per lasciare posto ad Alitalia, chi per non fare ombra all'esecutivo (del resto non dobbiamo dimenticare il ruolo che il fattore-sicurezza ha giocato in campagna elettorale, assieme ad Alitalia e alla spazzatura di Napoli, e adesso il governo di destra si ritrova per strada la peggiore strage da 16 anni a questa parte) chi, infine - e sono la maggior parte - perché, "dai, sicuramente, insomma, troppo perbene e troppo italiani questi sei non dovevano essere...".

3 commenti:

Davidin ha detto...

illuminante come sempre...
Continua nei tg il solito modo di dare le notizie... ieri per esempio

"ennesimo tragico sabato sulle strade... 1 incidente sulla Milano meda... 1 ragazzo drogato e ubriaco causa un'incidente mortale a Bresso... e ancora un uomo morto a roma investito da un RUMENO alla guida"

Amici della Biblioteca ha detto...

... Non si può aggiungere altro...

Luca

pale ha detto...

perchè giustamente,come già si diceva,il ragazzo drogato è ragazzo e basta, mentre il rumeno è rumeno...

sempre più schifato da questa italia...